Centro per lo studio e la selezione del
Molosso del Tibet originale

Standard American Kennel Club

Traduzione dall'originale a cura di Manfredi Picca.
Tutti i diritti riservati.

Standard ufficiale del Tibetan Mastiff

Gruppo: Working Group
Approvato il: 10 febbraio 2012
Effettivo dal: 29 febbraio 2012


ASPETTO GENERALE:


Nobile e imponente: una razza grande ma non gigante. Un cane atletico e sostanzioso, di aspetto solenne ma gentile. Il Tibetan Mastiff poggia bene su metacarpi, con forti e stretti piede da gatto, dando una impressione di allerta. Il corpo è leggermente più lungo che alto. Le caratteristiche distintive della razza sono la testa e la coda. La testa è ampia e impressionante, con il cranio sostanzioso, gli occhi infossati e leggermente inclinati, a mandorla, muso ampio e ben pieno di forma quadrata. L'espressione tipica della razza è di vigilanza. La coda e le natiche sono ben pelose e la coda è portata sul dorso con un singolo ricciolo che cade sopra il lombo, bilanciando la testa. Il pelo e la pesante criniera sono spessi, con un pelo esterno rustico e un sotto pelo lanoso.

Il Tibetan Mastiff è stato utilizzato principalmente come guardiano della famiglia e della proprietà per molti millenni. Il Tibetan Mastiff è distaccato e vigile con gli estranei, ed altamente protettivo verso i suoi cari e la proprietà.

DIMENSIONE, PROPORZIONE, SOSTANZA:

Dimensione: Maschi - Fascia preferita tra i 26 e i 29 pollici al garrese (66-73,7 cm.). Femmine - fascia preferita tra i 24 ed i 27 pollici al garrese (60,9-68,5 cm.). I maschi e le femmine di 18 mesi o più anziani che siano al di sotto di 25 pollici al garrese (63,5 cm.) nel caso dei maschi o di 23 pollici al garrese (58,4 cm) nel caso delle femmine devono essere squalificati. Tutti maschi e femmine all'interno della fascia preferita di altezza devono essere giudicati equamente, senza alcuna preferenza verso il cane più alto.

Proporzione: leggermente più lungo che alto (10-9), (cioè, la lunghezza misurata dallo sterno all'ischio dovrebbe essere leggermente maggiore della altezza, ossia della distanza dal garrese a terra).

Sostanza: Il Tibetan Mastiff deve avere una sostanza impressionante per le sue dimensioni, per ossatura , corporatura e muscolatura.

TESTA:


Ampia, forte, con arcate sopraccigliari pesanti. Rughe eccessive devono essere considerate un grave difetto; tuttavia una singola piega che si estende da sopra gli occhi fino all'angolo della bocca è accettabile quando il cane è maturo. Una testa e un'espressione corretta sono essenziali per la razza.

Espressione: Nobile, intelligente, vigile e distaccata.

Occhi: molto espressivi, di medie dimensioni, qualsiasi tonalità di marrone. La rime palpebrali devono essere nere tranne che nei cani blu/grigio e blu/grigio focato; in questo caso il colore deve essere la tonalità più scura possibile di grigio. Occhi infossati, ben distanziati e leggermente obliqui, di forma a mandorla con rime palpebrali ben aderenti quando il cane è maturo. Qualsiasi altro colore o forma deve essere considerato un grave difetto perché toglie l'espressione tipica.

Orecchie: di medie dimensioni, a forma di V, pendenti, attaccate in alto, cadono in avanti dritte vicino alla testa. Alzate quando il cane è in allerta al livello della parte superiore del cranio. La pelle dell'orecchio è spessa, ricoperta di pelo morbido e corto. Quando misurato l'orecchio dovrebbe raggiungere l'angolo interno dell'occhio. Le orecchie attaccate in basso e/o di tipo hound dovrebbero essere considerate un grave difetto.

Cranio: largo e ampio, con occipite fortemente pronunciato. Cranio posteriore ampio e piatto. Arcate sopraccigliari prominenti.

Stop: moderatamente definito, lascia apparire ben definita la presenza di arcate sopraccigliari prominenti.

Muso: largo, ben pieno e quadrato se visto da tutti i lati.

Proporzioni: la lunghezza misurata dallo stop alla punta del tartufo deve essere tra la metà ed un terzo della lunghezza misurata dall'occipite allo stop. Il muso troppo lungo è un difetto grave. La larghezza del cranio misurata dall'attaccatura dell'orecchio all'attaccatura dell'orecchio opposto deve essere leggermente maggiore della lunghezza del cranio misurato dall'occipite allo stop (vale a dire, appena oltre il quadrato).

Naso: largo, ben pigmentato, con le narici aperte. Di colore nero, tranne che nei cani blu / grigio o blu / grigio focato, nei quali il tartufo deve essere la tonalità più scura del grigio, e nei cani marroni, nei quali deve essere la tonalità più scura del marrone. Qualsiasi altro colore deve essere considerato un grave difetto.

Labbra: ben sviluppate, spesse, moderatamente cascanti, labbra inferiori leggermente pendenti.

Morso: chiusura a forbice, dentatura completa. La chiusura a tenaglia è accettabile.

Denti: denti canini grandi, forti, i denti rotti non sono un difetto.

Difetti eliminatori: prognatismo o enognatismo.

COLLO, LINEA DORSALE, CORPO:

Collo: Il collo è molto muscoloso, moderatamente arcuato, di lunghezza sufficiente per essere in equilibrio con il corpo, e può avere giogaia moderata intorno alla gola. Il collo, soprattutto nei cani maturi, è avvolto da una folta e dritta criniera.

Linea dorsale: La linea dorsale è livellata e solida tra il garrese e la groppa.

Corpo: Il torace è ben sviluppato, con ragionevole curvatura delle costole. Il torace scende fino appena sotto i gomiti. Evidenziato da fianchi rialzati in modo pronunciato (ma non esagerato). La parte posteriore è muscolosa con lombo ben muscoloso. Non vi è alcuna inclinazione o angolazione sulla groppa.

Coda: Ben pelosa, medio lunga, non scende al di sotto del garretto, attaccata in alto sulla linea del dorso. Quando il cane è in allerta o in movimento la coda è sempre portata arrotolata sul dorso, può essere portata in basso quando il cane è rilassato.

Difetti: Doppia arricciatura, arricciatura incompleta, coda non arricciata o dritta.

Difetti gravi: coda non portato nella posizione corretta come sopra indicato.

ARTI ANTERIORI:

Spalle: ben distese, muscolose, di forte ossatura, con moderata angolazione per bilanciare l'angolazione posteriore.

Gambe: diritte, con ossatura e muscolatura sostanziose, ben coperte di pelo corto e grossolano, più lungo sulla parte posteriore, e con forti metacarpi leggermente inclinati.

Piedi: piede da gatto. Abbastanza grandi, forti, compatti, può esserci pelo lungo tra le dita. Le unghie possono essere nere e / o bianche, a prescindere dal colore del mantello. Un unico sperone può essere presente sui piedi anteriori.

ARTI POSTERIORI:

Arti posteriori: Potenti, muscolosi, con tutte le parti moderatamente angolate. Visti da dietro, gli arti posteriori e le ginocchia sono paralleli. I garretti sono forti, circa un terzo della lunghezza totale della gamba, e perpendicolari.

Piedi: Un singolo o doppio sperone può essere presente sui piedi posteriori. La rimozione degli speroni posteriori, se presenti, è opzionale.

MANTELLO:


Generalmente i maschi hanno un pelo più lungo delle femmine. La qualità del mantello è più importante della lunghezza. Doppio mantello con folto pelo di copertura abbastanza lungo e spesso, e pesante sotto pelo morbido nella stagione fredda che diventa piuttosto scarso nei mesi più caldi. Il pelo è fino ma duro, dritto e cadente; mai setoso, riccio o ondulato. Il pesante sotto pelo, quando è presente, è piuttosto lanoso. Collo e spalle pesantemente rivestiti di pelo, soprattutto nei maschi, dando l'impressione della criniera. Coda e natiche sono fortemente ricoperte di pelo. Il Tibetan Mastiff deve essere esposto con il suo pelo al naturale. Il taglio non è accettabile salvo per fornire un aspetto pulito ai piedi e ai garretti. I cani non devono essere penalizzati, se vengono esposti con il mantello estivo.

COLORE:


Nero, marrone e blu/grigio, tutti con o senza focature che vanno da un argento chiaro a un ricco mogano; Fulvo, con sfumature che vanno da un oro puro fino ad un ricco rosso. Macchie bianche sul petto e sui piedi sono accettabili. Le focature possono essere presenti in alcune o tutte le seguenti aree: sopra gli occhi come macchie, intorno agli occhi (comprese la maschera ad “occhiali”), su ciascun lato del muso, sulla gola, sulla parte inferiore zampe anteriori che si estendono fino all'interno degli arti anteriori, all'interno degli arti posteriori mostrando la parte anteriore del ginocchio e allargandosi verso la parte anteriore degli arti posteriori dal garretto alle dita dei piedi, sulle natiche e la parte inferiore della coda. Il sottopelo ben fornito sulle natiche e nella parte inferiore della coda può essere di tonalità più chiara del colore dominante. Il sottopelo nei cani nero focati può anche essere grigio o marrone. La carbonatura, diversa dal color lupo e dalla carbonatura sulla sella, tipo marca di colore, è accettabile sui cani gold. Grandi macchie bianche sono difetti.

Squalifica: Tutti gli altri colori del mantello (ad esempio, bianco, crema, grigio lupo, tigrato e particolors) e macchie diverse da quelle espressamente descritte.

ANDATURA:

L'andatura del Mastino Tibetano è atletica, potente, stabile ed equilibrata, ma allo stesso tempo veloce e agile. Quando visto di lato, l'allungo e la trazione dovrebbero indicare il massimo utilizzo della moderata angolazione del cane. A maggiore velocità, il cane tenderà al single-track. Il posteriore rimane dritto e stabile. L'apparenza e la potenza del movimento sono più importanti della velocità.

TEMPERAMENTO:

Il Tibetan Mastiff è molto intelligente, indipendente, un cane di forte volontà e piuttosto riservato. Schivo con gli estranei e altamente protettivo versi i suoi cari e la sua proprietà. Sul ring può manifestare riservatezza o mancanza di entusiasmo, ma è inaccettabile ogni segno di timidezza che deve essere severamente penalizzato in quanto non appropriato per una razza da guardia.

DIFETTI:

La descrizione indicata sopra è quella del Mastino Tibetano ideale. Qualsiasi differenza con il cane sopra descritto deve essere penalizzata nella misura della differenza stessa.

Squalifiche:

  • 
Maschi al di sotto di 25 pollici di altezza (e 18 mesi di età o più). Femmine al di sotto di 23 pollici di altezza (e 18 mesi di età o più).
  • Prognatismo o enognatismo.
  • Tutti gli altri colori del mantello (ad esempio, bianco, crema, grigio lupo, tigrato e particolors) e macchie diverse da quelle espressamente descritte.