Centro per lo studio e la selezione del
Molosso del Tibet originale

La variazione della popolazione ha rivelato l'adattamento all'alta quota dei Mastini Tibetani

Traduzione dall'originale a cura di Manfredi Picca.
Tutti i diritti riservati.

Autori: Li Y1,Wu DD, Boyko AR, Wang GD, Wu SF, Irwin DM, Zhang YP.

Anno di pubblicazione: 2014

Astratto:

Con l'aiuto dei loro compagni umani, i cani si sono diffusi in nuovi ambienti durante l'espansione della civiltà. Il Tibetan Mastiff (TM), un cane nativo del Tibet, è derivato dall'addomesticato di un cane natale cinese e, come i tibetani, si è adattato all'ambiente estremo di alta quota.

Qui, noi abbiamo genotipizzati [1] i polimorfismi [2] a singolo nucleotide genome-wide (SNPs) [3] da 32 Tibetan Mastiff e li abbiamo confrontati con SNPs provenienti da 20 cani nativi cinesi e 14 lupi grigi (Canis lupus). Abbiamo identificato 16 geni con segnali di una positiva selezione nel Tibetan Mastiff, con 12 di questi geni candidati associati a funzioni che hanno ruoli per l'adattamento ad alta quota, come EPAS1, SIRT7, PLXNA4, e MAFG con ruoli nelle risposte all'ipossia. [4]

Questo studio fornisce informazioni importanti sulla diversità genetica del Tibetan Mastiff e sui potenziali meccanismi di adattamento all'ipossia.